Novara > FSE

NOVARA – 30 NOVEMBRE 2018
Ordine degli Ingegneri della Provincia di Novara
Baluardo La Marmora 16, 28100 Novara
H. 14:00 – 18:00

Condizioni di partecipazione indicate in locandina

CORSO
FIRE SAFETY ENGINEERING – Sistemi di rivelazione incendi

CONTENUTI E OBIETTIVI

MOD. 1

Contenuti
Progettazione secondo l’approccio ingegneristico descritto nel D.M. 3 Agosto 2015.
Linee guida e percorso da seguire nel caso si decida di progettare secondo FSE.

Obiettivi
Il corso si prefigge di fornire una metodologia di progettazione secondo la Fire Safety Engineering, presentando ed illustrando i capitoli più importanti presenti nel decreto ministeriale del 3 Agosto 2015. Il focus sarà sulla parte relativa ai sistemi attivi di rivelazione incendio, ma il corso fornirà anche una metodologia per approcciare la progettazione di una struttura sia secondo le regole tecniche verticali sia secondo la Fire Safety Engineering.

Programma

  • Origine della FIRE Safety Eningineering;
  • Quadro normativo mondiale;
  • M. 3 Agosto 2015: Struttura del decreto ed articoli;
  • Cenni sulla progettazione secondo le Regole Tecniche Orizzontali;
  • Progettazione secondo l’ingegneria della sicurezza antincendio (Fire Safety Engineering).

 

MOD. 2

Contenuti
Identificazione delle tipologie corrette delle linee di interconnessione da utilizzare in un sistema di rivelazione fumi
Distinzione tra metodologie di prova e norme costruttive
Definizione delle conformità da verificare al fine del rilascio dell’impianto e della presa in carico per manutenzione
Certificazione e dichiarazione di conformità
Corresponsabilità dell’installatore e del progettista
Esempi applicativi

Obiettivi
Linee di interconnessione. Analizzare i riferimenti normativi specifici per le linee di interconnessione e identificare le condizioni di posa.

Programma

Caratteristiche delle linee di interconnessione resistenti al fuoco.
Indicazioni sulle norme di riferimento: EN50200, CEI 20-105, CEI UNEL 36762.
La modifica di un impianto (cosa verificare).

ORGANIZZATO DA

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI NOVARA

IN COLLABORAZIONE CON

ASSOCIAZIONE FIREPRO

RELATORI

Fabio BORGHINI
Associazione Firepro, Bosch Security Systems SpA, esperto di prevenzione incendi, Membro del Gruppo Fire ANIE Sicurezza, partecipa a UNI  TC 72 “GL Rivelazione Incendi”, Working Group CEN/TC34.

Andrea Francesco MONETA
Associazione Firepro, Beta Cavi srl – Partecipa a UNI Working Group CEN/TC34, CEI Working Group TC46, membro della commissione didattica ANIE sistemi FIRE – EVAC.

Verona > CORSI > LE GIORNATE DELLA PREVENZIONE INCENDI

VERONA – 28 NOVEMBRE 2018
Crowne Plaza Verona Fiera
via Belgio, 16 – 37135 Verona (VR)
H. 10:00 – 17:30

Corsi validi per l’aggiornamento dei professionisti abilitati in materia di prevenzione incendi iscritti nell’elenco ministeriale, ai sensi dell’art. 7 del D.M. 5 agosto 2011

Corsi validi per il rilascio di CFP per gli Ingegneri

LE GIORNATE DELLA PREVENZIONE INCENDI


CORSI
Compiti e responsabilità nella gestione della sicurezza antincendio
28/11/18 | ORE 10:00-17:30


Impianti fissi di estinzione incendi ad alimentazione idrica e gruppi di pressurizzazione

Sistemi di rivelazione incendi, sistemi EVAC, segnaletica di sicurezza

Sistemi di protezione passiva

Impianti fissi di rivelazione incendi e sistemi per il controllo di fumo e calore

ORGANIZZATO DA

ORDINE DEGLI INGEGNERI
DELLA PROVINCIA DI VERONA

IN COLLABORAZIONE CON

ASSOCIAZIONE FIREPRO

ASSOCIAZIONE PREVENZIONEINCENDITALIA

Novara > FSE

NOVARA – 26 OTTOBRE 2018
Ordine degli Ingegneri della Provincia di Novara
Baluardo La Marmora 16- 28100 Novara
H. 14:00 – 18:00

Modalità di partecipazione indicata in locandina

CORSO
FIRE SAFETY ENGINEERING 
Impiego della FSE per la scelta di soluzioni alternative nella progettazione della sicurezza

CONTENUTI E OBIETTIVI

MOD. 1

Contenuti
Il processo di valutazione nell’ambito dell’approccio ingegneristico e gli ambiti di applicazione dell’approccio prestazionale.
Le novità introdotte dal DM 03/08/2015 per la verifica dei livelli di prestazione per le singole strategie antincendio.

Obiettivi
Conoscere le modalità possibili, con un indirizzo di normazione prestazionale oltre che prescrittiva, per valutare correttamente le soluzioni progettuali per i livelli di prestazione per ogni strategia antincendio.

Programma
– Riferimenti normativi sull’approccio ingegneristico
– La FSE secondo il D.M. 03/08/2015

MOD. 2

Contenuti
La metodologia da seguire per una corretta progettazione della sicurezza antincendio con un approccio prestazionale.
Gli scenari di incendio e ed i parametri relativi alla salvaguardia della vita con la progettazione prestazionale.

Obiettivi
Introduzione all’applicazione di un approccio di tipo prestazionale nell’analisi di problematiche legate alla prevenzione incendi.
Utilizzo di metodi di calcolo riconducibili alla “Fire Safety Engineering”.

Programma
– I criteri da utilizzare per la progettazione prestazionale legata alla salvaguardia della vita umana
– Analisi di casi pratici di FSE

ORGANIZZATO DA

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI NOVARA

IN COLLABORAZIONE CON

ASSOCIAZIONE FIREPRO

RELATORI

Pietro MONACO
Associazione Firepro, Namirial spa, partecipa al GL UNI “Ingegneria della sicurezza contro l’incendio” della Commissione “Comportamento all’incendio”

Pavia_corso > ASSEVERAZIONE

PAVIA – 29 MAGGIO 2018
Ordine degli Ingegneri della Provincia di Pavia
H. 14:00 – 18:00

Condizioni di partecipazione visibili sul sito dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Pavia

CORSO
VERIFICA DELLA DOCUMENTAZIONE IN FASE DI SCIA

CONTENUTI E OBIETTIVI

Contenuti
Durante il corso vengono descritte le normative e le direttive applicabili per la predisposizione della documentazione da allegare all’asseverazione da allegare alla SCIA.
Vengono valutati i compiti svolti dai vari soggetti coinvolti individuando le responsabilità ed in particolare quella dei professionisti.
Sono anche esposti esempi pratici per alcuni impianti.

Obiettivi
Commentare, valutando gli aspetti tecnico formali, la documentazione che consente di certificare la conformità antincendio con la predisposizione della SCIA per chiarire le responsabilità del professionista.

Programma
Normativa cogente
DPR 151, DM 37/08, DM 20/12/2012, DM 03/08/17, D.Lgs.n.106 del16/06/17
La documentazione certificativa
Norme tecniche che rappresentano la regola dell’arte per l’esecuzione e per il controllo degli impianti
L’importanza della gestione e della manutenzione
Alcuni esempi:
✓Impianti sprinkler
✓Rete idranti
✓Sistemi di Evacuazione fumo e Calore

ORGANIZZATO DA

Ordine degli Ingegneri della Provincia di Pavia

IN COLLABORAZIONE CON

ASSOCIAZIONE FIREPRO

RELATORI

Giuseppe GIUFFRIDA

Pavia_corso > IMPIANTI ACQUA MOD.3

PAVIA – 22 MAGGIO 2018
Ordine degli Ingegneri della Provincia di Pavia
H. 14:00 – 18:00

Condizioni di partecipazione visibili sul sito dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Pavia

CORSO
SISTEMI DI PROTEZIONE ATTIVA – IMPIANTI DI SPEGNIMENTO AD ACQUA
Gruppi di pressurizzazione e centrali idriche antincendio

CONTENUTI E OBIETTIVI

Contenuti
Verranno analizzati con riferimento alle norme tecniche UNI EN 12845 / UNI 10779 / UNI 11292:
– le tipologie e i criteri di scelta dei gruppi di pressurizzazione antincendio;
– il loro inserimento all’interno dell’impianto, con particolare riguardo alle condizioni di aspirazione (NPSH).

Obiettivi
Fornire al progettista gli elementi indispensabili per:
– scegliere correttamente la tipologia di gruppo di pressurizzazione antincendio più adatta al caso specifico;
– leggere correttamente i certificati e le dichiarazioni rilasciate dai costruttori di gruppi di pressurizzazione.

Programma

  • Il dimensionamento e la realizzazione delle riserve idriche;
  • Le condizioni di aspirazione: calcolo del NPSH disponibile;
  • Scelta della tipologia del gruppo di pressurizzazione;
  • Analisi dei componenti del gruppo: pompe, motori, quadri elettrici.

ORGANIZZATO DA

Ordine degli Ingegneri della Provincia di Pavia

IN COLLABORAZIONE CON

ASSOCIAZIONE FIREPRO

RELATORI

Gian Paolo BENINI

Pavia_corso > IMPIANTI ACQUA MOD.2

PAVIA – 8 MAGGIO 2018
Ordine degli Ingegneri della Provincia di Pavia
H. 14:00 – 18:00

Condizioni di partecipazione visibili sul sito dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Pavia

CORSO
SISTEMI DI PROTEZIONE ATTIVA – IMPIANTI DI SPEGNIMENTO AD ACQUA
Impianti sprinkler

CONTENUTI E OBIETTIVI

Contenuti
Analisi dei processi di progettazione impianti ad idranti ed impianti a sprinkler attraverso la redazione di progetti in casi reali, a seguito dell’aggiornamento delle disposizioni di sicurezza antincendio per la progettazione di cui alla “regola tecnica di prevenzione incendi per gli impianti di protezione attiva contro l’incendio installati nelle attività soggette ai controlli di prevenzione incendi”, allegata al DM 20/12/2012 (decreto impianti).

Obiettivi
Fornire al progettista le basi per la progettazione degli impianti fissi di estinzione incendi ad alimentazione idrica con la metodologia dell’approccio logico prestazionale, analizzando progetti e confrontando diverse soluzioni impiantistiche al fine di ottemperare alle richieste della normativa, alle regole di buona tecnica e al contenimento dei costi.

Programma

  • Analisi del DM 20/12/2012 “Decreto Impianti”;
  • Progettazione e Documentazione contrattuale;
  • Valutazione del Rischio;
  • Analisi pratica degli impianti idranti e sprinkler nell’ottica del flusso progettuale: casi applicativi di progettazione di un impianto a sprinkler, secondo norme UNI 10779:2014, UNI 12845:2009 ed UNI/TR 11365:2010;
  • Cenni sulle norme tecniche pubblicate da organismi di standardizzazione internazionalmente riconosciuti nel settore antincendio, applicabili alla progettazione degli impianti fissi di estinzione incendi ad alimentazione idrica da redigere a cura di “professionista antincendio”;
  • Bilanciamento idraulico di una rete;
  • Principi di calcolo;
  • Dimensionamento anche in ottica dei costi.

ORGANIZZATO DA

Ordine degli Ingegneri della Provincia di Pavia

IN COLLABORAZIONE CON

ASSOCIAZIONE FIREPRO

RELATORI

Giovanni LA CAGNINA

Pistoia_corso > DM 03/08/15 MOD.6

PISTOIA – 17 MAGGIO 2018
Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati della Provincia di Pistoia
H. 14:00 – 18:00

Condizioni di partecipazione visibili sul sito del Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati della Provincia di Pistoia

CORSO
LA DOCUMENTAZIONE IN FASE DI SCIA E DI RINNOVO PERIODICO.
Normative e Direttive di riferimento, le responsabilità dei professionisti.

ORGANIZZATO DA

Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati della Provincia di Pistoia

IN COLLABORAZIONE CON

ASSOCIAZIONE FIREPRO

RELATORI

Giuseppe GIUFFRIDA

Piacenza_corso > PROTEZIONE PASSIVA

PIACENZA – 11 MAGGIO 2018
Ordine degli Ingegneri della Provincia di Piacenza
Via San Marco, 16 – Piacenza
H. 14:30 – 18:30

Condizioni di partecipazione visibili in locandina e sul sito dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Piacenza

CORSO
PROTEZIONE PASSIVA E COMPARTIMENTAZIONE SECONDO IL DM 3 AGOSTO 2015
Metodi di progettazione e certificazione

ORGANIZZATO DA

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI PIACENZA

IN COLLABORAZIONE CON 

ASSOCIAZIONE FIREPRO

RELATORI

Diego CECCHINATO

Pistoia_corso > DM 03/08/15 MOD.5

PISTOIA – 10 MAGGIO 2018
Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati della Provincia di Pistoia
H. 14:00 – 18:00

Condizioni di partecipazione visibili sul sito del Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati della Provincia di Pistoia

CORSO
NUOVO APPROCCIO PER LA PROGETTAZIONE ANTINCENDIO CON IL DM 3 AGOSTO 2015.
Impiego della FSE per la definizione di soluzioni alternative.

CONTENUTI E OBIETTIVI

Contenuti
Durante il corso viene illustrata la Sezione M e descritto come e quando possono essere applicati i metodi previsti al fine di verificare soluzioni alternative alle soluzioni conformi indicate nelle strategie antincendio senza il ricorso a procedimenti di deroga.

Obiettivi
Mettere in risalto come il DM 3 agosto 2015 permette di limitare la necessità di andare in deroga anche grazie alla FSE.

Programma
Sezione M Metodi
M.1 Metodologia per l’ingegneria della sicurezza antincendio
M.2 Scenari di incendio per la progettazione prestazionale
M.3 Salvaguardia della vita con la progettazione prestazionale
Esempi applicativi

ORGANIZZATO DA

Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati della Provincia di Pistoia

IN COLLABORAZIONE CON

ASSOCIAZIONE FIREPRO

RELATORI

Diego CECCHINATO

Pavia_corso > IMPIANTI ACQUA MOD.1

PAVIA – 8 MAGGIO 2018
Ordine degli Ingegneri della Provincia di Pavia
H. 14:00 – 18:00

Condizioni di partecipazione visibili sul sito dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Pavia

CORSO
SISTEMI DI PROTEZIONE ATTIVA – IMPIANTI DI SPEGNIMENTO AD ACQUA
Reti idranti

CONTENUTI E OBIETTIVI

Contenuti
Analisi dei processi di progettazione impianti ad idranti ed impianti a sprinkler attraverso la redazione di progetti in casi reali, a seguito dell’aggiornamento delle disposizioni di sicurezza antincendio per la progettazione di cui alla “regola tecnica di prevenzione incendi per gli impianti di protezione attiva contro l’incendio installati nelle attività soggette ai controlli di prevenzione incendi”, allegata al DM 20/12/2012 (decreto impianti).

Obiettivi
Fornire al progettista le basi per la progettazione degli impianti fissi di estinzione incendi ad alimentazione idrica con la metodologia dell’approccio logico prestazionale, analizzando progetti e confrontando diverse soluzioni impiantistiche al fine di ottemperare alle richieste della normativa, alle regole di buona tecnica e al contenimento dei costi.

 Programma

  • Analisi del DM 20/12/2012 “Decreto Impianti”;
  • Progettazione e Documentazione contrattuale;
  • Valutazione del Rischio;
  • Analisi pratica degli impianti idranti e sprinkler nell’ottica del flusso progettuale: casi applicativi di progettazione di un impianto a sprinkler, secondo norme UNI 10779:2014, UNI 12845:2009 ed UNI/TR 11365:2010;
  • Cenni sulle norme tecniche pubblicate da organismi di standardizzazione internazionalmente riconosciuti nel settore antincendio, applicabili alla progettazione degli impianti fissi di estinzione incendi ad alimentazione idrica da redigere a cura di “professionista antincendio”;
  • Bilanciamento idraulico di una rete;
  • Principi di calcolo;
  • Dimensionamento anche in ottica dei costi.

ORGANIZZATO DA

Ordine degli Ingegneri della Provincia di Pavia

IN COLLABORAZIONE CON

ASSOCIAZIONE FIREPRO

RELATORI

Fabio BOSETTI